REGOLAMENTI INTERNI

Home / REGOLAMENTI INTERNI

Cenni storici e riferimenti normativi

L’esigenza di redazione e adozione della “Carta” è maturata sull’esempio positivo sperimentato in alcuni Paesi europei (Citizen’s Charter in Inghilterra; Charte des services publiques in Francia) come strumento per agevolare risposte alle necessità di maggior efficienza dei pubblici servizi ed a nuovi diritti a favore dei cittadini (accesso, trasparenza, partecipazione). La Pubblica Amministrazione  italiana ritrova la sua prima “Carta” nelle regole fissate dalla legge n. 241/90,  in ordine alla trasparenza, celerità, pubblicità, partecipazione, efficienza e efficacia dell’azione amministrativa. Successivamente il decreto n. 29/93 ha concretizzato dette regole in veri e propri istituti giuridici o strutture organizzative (art. 12: ufficio relazioni con il pubblico; art. 20: servizi di controllo interno; artt. 20-21: responsabilità dirigenziali e verifica dei risultati; art. 59: responsabilità disciplinari).La Presidenza del Consiglio (decreto 7.6.995), ha introdotto ulteriori disposizioni in materia di attivazione dei servizi di controllo interno e  ha sancito definitivamente gli obblighi degli enti pubblici erogatori in materia di “qualità” dei servizi erogati.

La Carta dei Servizi Scolastici, dovrebbe esistere in ogni scuola. Il D.L. 163/95 (convertito nella L. 273/95) ne ha dettato i confini. Il D.P.C.M. del giugno 95, specifico per la scuola, ha disposto uno schema di riferimento, sul cui modello gli istituti scolastici hanno approntato una Carta dei Servizi Scolastici da pubblicizzare, fornire agli utenti e inviare in copia al Dipartimento della Funzione Pubblica. Con l’introduzione dell’Autonomia Scolastica non sussiste più obbligo di invio  agli Uffici scolastici Provinciali  e   Regionali. Una successiva C. M. n. 255/95 precisa che la Carta è deliberata dal Consiglio d’Istituto su preventivo parere del Collegio Docenti (vincolante per gli aspetti pedagogico didattici). Il modello di Carta proposto dal D.P.C.M.  elenca numerosi ed ovvi principi: imparzialità, regolarità, trasparenza, liberta’ d’insegnamento ecc…

Carta dei servizi

Documento che impegna l’organizzazione a svolgere le sue funzioni amministrative e l’organizzazione del servizio secondo  i principi ispiratori della trasparenza, dell’efficienza, dell’efficacia e della celerità in tutte le relazioni con i soggetti interni ed esterni.

Storia della Carta Regolamentare

 

Regolamento d’Istituto

Documento che impegna l’organizzazione a svolgere le sue funzioni educative  secondo certezza di  regole di comportamento per  tutte le componenti  la comunità  scolastica. Il Regolamento interno viene redatto, e può essere modificato, con il contributo dei docenti e degli studenti. Il Regolamento viene deliberato dal Consiglio d’Istituto.

Regolamento Interno.

Allegato1-Regolamento Viaggi di istruzione, scambi culturali, soggiorni ambientali e sportivi .

Allegato2-Regolamento di Disciplina.

Allegato3-Norme Comportamentali Generali all’Interno dell’Edificio Scolastico.

Allegato4-Norme Comportamentali nel Percorso Scuola-Palestra ed in Palestra.

Allegato5-Regolamento Funzionamento Laboratori e Norme Comportamentali al loro Interno.

Allegato6-Regolamento Funzionamento Biblioteca.

 

 

Regolamento per l’Attività Negoziale

Regolamento Attività Negoziale

Regolamento di Disciplina e Patto di Corresponsabilità Educativa Scuola/Famiglia

Di questi  documenti fondamentali  dovrà essere  fornita copia agli studenti all’atto dell’iscrizione e saranno scaricabili dal Sito Web di Istituto. Nel pieno rispetto di questo complesso apparato  regolamentare, la vita quotidiana dell’istituzione svolge le attività previste dal PTOF (Piano Triennale dell’Offerta Formativa) che è invece il documento guida del versante educativo.

Patto di Corresponsabilità.

Regolamento di Disciplina (Allegato2 al Regolamento Interno).

Regolamento Interno GDPR (Codice Privacy Istituto)

Regolamento Utilizzo Strumenti Informatici e Connessione Internet